Le immagini sono protette da copyright dal rispettivo proprietario e non hai il permesso di scaricarle. Images are copyrighted by their respective owner and you don’t have permission to download them.

Close
Articoli Recenti
Archivio
Ricerca categorie
Attrezzatura fotografica, Obiettivi fotografici / 26 Aprile 2019

Sigma 150-600mm f 5-6,3 DG OS HSM C

Il Sigma 150-600mm f 5-6,3 DG OS HSM C è un tele/super tele della serie Conteporary che ha un buon rapporto qualità/prezzo per chi vuole cimentarsi nella caccia fotografica senza svenarsi.

In produzione dal 2014 é compatibile con i formati FF e APS-C ed é disponibile per Canon, Nikon e Sigma.
Sulla bilancia siamo a 1930 grammi, quindi abbastanza impegnativo, é consigliato un treppiedi o un mono piede ma comunque si può usare anche a mano libera nelle giornate ben illuminate con tempi di scatto veloci (finché reggono le braccia).
Il diaframma presenta 9 lamelle che restituisce un buon sfuocato, mentre la minima distanza di messa a fuoco é di 2,80 metri.
Per la messa a fuoco si avvale di un motore HSM (Hyper Sonic Motor) che garantisce una messa a fuoco fluida e precisa.
Questo tele é compatibile con la dock USB Sigma,

con la quale possiamo:

aggiornare il firmware degli obiettivi; effettuare la microregolazione del fuoco; impostare la velocità AF; intervenire sulle funzioni dello stabilizzatore; assegnare funzioni ai tasti C1 e C2.

 

Lo schema ottico

é composto da 20 lenti in 14 gruppi comprendenti un elemento FLD e tre elementi SLD.

Il diametro della lente frontale é di 95 mm.

Sul barilotto troviamo i seguenti selettori:

  • Focus: AF (fuoco automatico) – MO (Manual Override – fuoco automatico/manuale) – MF (fuoco manuale);
  • Range AF: Full (da 2,80 mt ad infinito); 10 mt – infinito; 2,8-10m, per velocizzare l’autofocus possiamo selezionare gli ultimi 2 step.
  • OS: stabilizzatore si può impostare su 3 posizioni mediante un selettore sul barilotto: 1) stabilizzatore normale; 2) panning e 3) Off.
  • Custom: C1; C2; OFF (impostabili con dock USB).

Posizionato tra la ghiera di messa a fuoco e quella dello zoom, troviamo il selettore per bloccare l’estensione focale, con cui possiamo bloccare la focale ad ogni step marcata sul barilotto (150,180,200, 250, 300, 400, 500 e 600 mm), questo può tornare utile quando usiamo l’ottica rivolta verso l’alto o verso il basso, in modo che lo zoom non si estenda o si ritragga per forza della gravità.

Il Sigma 150-600mm f 5-6,3 DG OS HSM C non è tropicalizzato, quindi attenzione a polvere ed umidità.

L’anello con l’attacco per il cavalletto può essere regolato su qualsiasi inclinazione, ha delle tacche per poterlo posizionare facilmente sulle posizioni: orizzontale, verticale destra, verticale sinistra e capovolto, si può anche togliere facilmente facendo combaciare la tacca superiore con quella dedicata allo sgancio (remove).

Impressioni personali:

L’ho provato montandolo su Canon EOS 6D marK 2, devo dire che nell’Insieme (tele + corpo macchina) abbiamo in mano un peso non indifferente.
Al tatto sembra robusto e ben costruito, le ghiere hanno un movimento fluido e ben frizionato. Utile il selettore che permette di bloccare l’estensione su qualsiasi step di focale.
Nei primi usi bisogna ricordarsi che la distanza minima di messa a fuoco è di 2,8 metri quindi lo zoom non riesce a mettere a fuoco i soggetti più vicini di quella distanza.

L’autofocus “aggancia” abbastanza rapidamente in condizioni di luce favorevoli nella maggior parte dei casi, anche nell’inseguimento del soggetto in movimento è abbastanza preciso a patto che il soggetto non sia troppo piccolo o si confonda con lo sfondo. In questi casi fa un po fatica o non riesce proprio ad agganciare il soggetto.

Ho fatto delle foto di test provando questo super tele anche su APS-C (Canon EOS 70D) a 600 mm (x 1,6 = 960 mm equivalenti) e facendo gli stessi scatti, con le stesse impostazioni, su FF (Canon EOS 6D mark 2) per confrontare i 2 file. Quelli sfornati dalla 70D sembrano leggermente più morbidi, anche perché con la focale equivalente raggiunta, tende ad avere una profondità di campo minore.

Le foto qui sotto le ho pubblicate come scattate, senza post produzione, per farvi valutare le differenze e il fattore di crop di 1,6 della 70D rispetto all’FF della 6D mark 2.

Canon EOS 6D Mark 2Canon EOS 70D

600 mm a f6.3, 1/800, ISO 800

600 mm a f6.3, 1/800, ISO 800

600 mm a f6.3, 1/800, ISO 800

600 mm a f6.3, 1/800, ISO 800

600 mm a f6.3, 1/1000, ISO 1600

600 mm a f6.3, 1/1000, ISO 1600

600 mm a f6.3, 1/1000, ISO 1000

600 mm a f6.3, 1/1000, ISO 1000

Conclusioni:

Diciamo che per quello che costa è un valido super tele, per aver prestazioni migliori in casa Canon bisogna andare sulla serie L.

Dalle opinioni raccolte in rete, del diretto competitor, il Tamron SP 150-600mm f/5-6.3 Di VC USD G2, non si discosta molto da questo, sia lato prestazioni che peso, l’unica differenza a vantaggio del Tamron è la tropicalizzazione, per averla su Sigma bisogna spendere di più comprando il 150-600mm f/5-6.3 DG OS HSM S calcolando che si portano a casa 2860 grammi di obiettivo.

Un grazie all’amico Paolo Campi per avermelo prestato per la prove e recensione.

Se vuoi darmi una mano a mantenere il sito, usa i link qui sotto per acquistare su Amazon.

Sigma 150-600mm f/5-6.3 DG OS HSM C per Canon.

 

 

Sigma 150-600mm f/5-6.3 DG OS HSM C per Nikon

 

 

Sigma 150-600mm f/5-6.3 DG OS HSM S per Canon;

 

 

Sigma 150-600mm f/5-6.3 DG OS HSM S per Nikon;

 

 

Tamron SP 150-600mm f/5-6.3 Di VC USD G2  per Canon;

 

 

Tamron SP 150-600mm f/5-6.3 Di VC USD G2 Per Nikon;

 

 

Sigma Dock USB per Canon;

 

 

Sigma Dock USB per Nikon;

 

 

Sigma Dock USB per Sony;

 

 

Sigma Dock USB per Pentax.

  

 

Leave a reply