Le immagini sono protette da copyright dal rispettivo proprietario e non hai il permesso di scaricarle. Images are copyrighted by their respective owner and you don’t have permission to download them.

Close
Pubblicita’




Articoli Recenti
Archivio
Ricerca categorie

La reflex: componenti e percorso della “luce”

 

la reflex, componenti e percorso della "luce" - Rafoto

Il percorso della luce

Mentre inquadriamo il nostro soggetto osservandolo dall’oculare, l’immagine che vediamo, passa attraverso diversi dispositivi: le lenti ed il diaframma nell’obiettivo; lo specchio; il pentaprisma (o pentaspecchio), per arrivare al nostro occhio.  

Quando premiamo il pulsante di scatto, lo specchio si alza, l’otturatore si apre e l’immagine va a colpire il sensore che la cattura e la salva sulla memoria della macchina fotografica (questo in breve). 

 

 

Ora vediamo nello specifico tutti i componenti che compongono la reflex partendo dall’obiettivo.

Al suo interno vi sono:

  • le lenti (il numero varia in base alla tipologia dell’obiettivo), ognuna delle quali ha delle caratteristiche costruttive differenti che rimpiccioliscono (o ingrandiscono) e correggono l’immagine;
  • il diaframma, che può variare in base al numero di lamelle;
  • il motore dell’autofocus, (alcuni obiettivi non lo hanno);
  • lo stabilizzatore: se presente, (alcune reflex lo hanno integrato nel corpo macchina);
  • la ghiera per la messa a fuoco;
  • e per gli zoom la ghiera per il cambio di focale.  

La reflex è composta da una miriade di componenti, in questo articolo cominceremo a conoscere i più importanti e la loro funzione.

Lo “specchio”

Lo specchio - la reflex, componenti e percorso della "luce" - RafotoNella parte frontale della macchina fotografica, togliendo l’obiettivo, la prima cosa che vediamo è appunto lo specchio, dalla cui funzione (la riflessione dell’immagine) prende nome la “reflex”. Questo componente, posto a 45° rispetto all’asse verticale, ha la funzione di riflettere la “luce” che passa attraverso l’obiettivo, proiettandola al pentaprisma che a sua volta la ruota e capovolge e la convoglia all’oculare in modo da farci vedere, tramite quest’ultimo, la scena inquadrata in modo corretto. 

 

Quando premiamo il pulsante di scatto, lo specchio si alza e fa passare la luce verso l’otturatore, che si aprirà per poi riabbassarsi una volta terminato lo scatto. In modalità “live view”, questo non succede, o meglio, quando premiamo il pulsante (o spostiamo la leva) per mettere la reflex in modalità live view, lo specchio si alza e l’immagine viene proiettata direttamente sul display della reflex tramite dei sensori. In questa modalità quando premiamo il pulsante di scatto avremo solo lo scatto dell’otturatore. 

 

Questo movimento dello specchio può comportare delle vibrazioni, è consigliabile quindi, in certe situazioni di ripresa (es. foto notturne) impostare “l’alzata dello specchio” dal menu della reflex. In questo modo la ripresa viene effettuata in due fasi distinte, alla prima pressione del pulsante di scatto, si alzerà lo specchio, ad una seconda pressione scatterà l’otturatore, annullando quasi del tutto le vibrazioni.

L’otturatore

L'otturatore - la reflex, componenti e percorso della "luce" - RafotoPosto dietro lo specchio e davanti al sensore d’immagine, l’otturatore ha il compito  di far passare la luce al sensore “dosandola”, in base al tempo di scatto impostato. E’ formato da due “tendine” a lamelle che si aprono e chiudono con movimento meccanico.  Quando premiamo il pulsante di scatto la prima tendina si apre e finita l’esposizione, la seconda tendina si chiude terminando l’esposizione.  

L’apertura e la chiusura dell’otturatore è determinata dal tempo di esposizione, e a seconda di quello impostato, quando la prima tendina non ha completato la sua corsa, la seconda tendina ha già iniziato a chiudersi, imprimendo il sensore una porzione alla volta.  Questo avviene con tempi di posa molto veloci.

Il sensore d’immagine

Il sensore d'immagine - la reflex, componenti e percorso della "luce" - RafotoA lui è affidato il compito di convertire i segnali luminosi in segnali digitali, ovvero di elaborare l’immagine che “vede” e convertirla in un file digitale con l’aiuto del processore d’immagine e salvarlo sulla scheda di memoria.  E’ formato da milioni di fotodiodi (pixel), ognuno dei quali “raccoglie” una porzione d’immagine.  Il sensore può avere diverse dimensioni, si va dal sensore FF (Full Frame) dalle dimensioni di 24 x 36 mm (le stesse della pellicola), che viene montato solitamente sulle reflex professionali di tutte le marche, ai formati APS-H (Advance Photo System High) 19 x 28,7 mm,  APS-C (14,8 x 22,2 mm,  Canon) (15,7 x 23,6 Nikon, Pentax, Sony, Fuji ) e può avere una “risoluzione” di diverse migliaia di pixel (1 Megapixel = 1 milione di pixel ), indipendentemente dal formato.

Il pentaprisma o pentaspecchio

Il pentaprisma o pentaspecchio - la reflex, componenti e percorso della "luce" - RafotoPosto a ridosso dello specchio, ha il compito di invertire e capovolgere l’immagine che arriva dall’obiettivo, riflessa dallo specchio, per permetterci, attraverso l’oculare, di vedere l’immagine orientata nel verso giusto. Ricordiamoci che l’immagine che passa attraverso l’obiettivo e quindi al diaframma, arriva al sensore capovolta ed invertita, ma viene memorizzata correttamente con l’aiuto del processore.

Il processore d’immagine

Il processore d'immagine - la reflex, componenti e percorso della "luce" - RafotoÈ quello che fa il “lavoro pesante”, ovvero converte i segnali che arrivano dal sensore d’immagine in file per salvarli sulla scheda di memoria. Si occupa anche di elaborare i dati dei sensori dell’autofocus. Alcune macchine fotografiche, ad alte prestazioni, ne hanno anche 2 per velocizzare la memorizzazione dei file e le prestazioni dell’autofocus.

L’esposimetro

L'esposimetro - la reflex, componenti e percorso della "luce" - RafotoIl suo compito è quello di valutare la quantità di luce che serve per avere un’immagine leggibile e quindi esposta correttamente, cioè che non sia troppo o scura o troppo chiara. La lettura viene fatta con la luce che passa dall’obiettivo, quindi quella riflessa dal soggetto o scena inquadrata. Questo tipo di esposimetro viene identificato con la sigla TTL (Through The Lens = attraverso la lente). Possiamo impostare la lettura esposimetri su 3 modalità o 3 aree: modalità “spot”, in questo caso la misurazione della “luce” avviene in un’area ristretta al centro dell’inquadratura; Modalità “ponderata al centro”, in questo caso la misurazione avverrà prevalentemente nell’area centrale come la modalità “spot”, ma verrà tenuta in considerazione anche l’intera area circostante; modalità “matrix”, in questo caso la lettura avverrà su tutta l’area senza dar prevalenza a nessuna zona.

Il sensore autofocus

Il sensore autofocus - la reflex, componenti e percorso della "luce" - Rafoto

Il sensore autofocus della Canon EOS 5D mk III

La messa a fuoco di un’immagine può essere fatta manualmente, agendo sull’apposita ghiera posta sull’obiettivo, o fatta fare in automatico dal sensore dell’autofocus. Questo sensore, che è posto sotto e dietro lo specchio, legge alcune aree (punti AF) che visualizziamo sia nell’oculare sia sullo schermo (in modalità live view), singolarmente, a gruppi o tutti insieme. A seconda del tipo di sensore, la valutazione della messa a fuoco può avvenire in modi diversi.  Difatti esistono due sistemi di messa a fuoco: quelli attivi e quelli passivi.

 

Quelli attivi misurano la distanza dal soggetto avvalendosi di ultrasuoni o luce infrarossa. Quelli passivi invece misurano la messa a fuoco direttamente sul soggetto e se è poco illuminato si avvalgono di una luce (di solito rossa) proiettata dalla fotocamera, e possono farlo in due modi: misurando il contrasto dell’immagine considerando il massimo contrasto come la massima messa a fuoco; a rilevamento di  fase che consiste nel dividere in due l’immagine e compararle.